Misteri 2012
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Scoperte con Google 2 nuove piramidi in Egitto

Andare in basso

investiga Scoperte con Google 2 nuove piramidi in Egitto

Messaggio Da Alaudae Mar 14 Ago - 23:22:58

 Scoperte con Google 2 nuove piramidi in Egitto PyramidsSpace-anteprima-600x486-741112

Dopo aver battuto palmo a palmo l'Egitto dall'alto grazie a Google Earth - il programma che ritrae dall'alto la superficie terrestre - Angela Micol da Maiden in North Carolina, ha individuato quelli che sembrano i resti di almeno 2 piramidi finora ignote.

I primi profili 'sospetti' - riconoscibile solo dall'alto - si trovano a 20 km dalla citta' di Abu Sidhum vicino al Nilo nel governatorato di Minya. Si tratta di una formazione a base quadrangolare con la cima tronca larga alla base circa 188 metri.

Vicino si scorgono 4 montagnole regolari tra i 60 e i 30 metri. La seconda area interessante e' a 150 km piu' a nord nell'oasi di Faiyum, 3 km dall'antica citta' di Dimai. Qui appaiono 4 rilievi a forma piramidale di circa 40 metri di larghezza, disposti con una sequenza inclinata simile a quelle delle celebri piramidi di Giza.

fonte AGI
link
Alaudae
Alaudae
Moderatore Globale
Moderatore Globale

Utente SuperAttivo Utente SuperAttivo : Utente Superattivo

Messaggio Personale La verità si sottrae all'evidenza
attraverso la sua inverosimilità.

Eraclito, 500 aC
Mio stato d'animo : perplesso

Animale Preferito :  Scoperte con Google 2 nuove piramidi in Egitto Taiu0h
Il mio Sesso : Maschio
Segno Zodiacale : Sagittario Maiale
La mia forza :  Scoperte con Google 2 nuove piramidi in Egitto 2vci68j

Messaggi : 14966
Età : 74
Netiquette :  Scoperte con Google 2 nuove piramidi in Egitto WarnFull
Località : Roma
Nazione : Italia
Data d'iscrizione : 26.06.09
Punti : 27050

Torna in alto Andare in basso

investiga more info

Messaggio Da Alaudae Ven 17 Ago - 20:12:27

Angela Micol, archeologa di Maiden, Carolina del Nord, ritiene di aver scoperto due nuovi possibili complessi piramidali in Egitto, individuando un ammasso enorme, grande quasi tre volte le dimensioni della Grande Piramide di Giza. La ricercatrice ha condotto la ricerca satellitare per oltre dieci anni, alla ricerca di antichi siti con l'ausilio del software Google Earth. I siti, qualora fossero verificati come autentici, sono stati definiti come "sconosciuti" dall'egittologo ed esperto di piramidi Nabil Selim.



I siti, che si trovano a circa 90 chilometri di distanza l'uno dall'altro, contengono gruppi insoliti di tumuli con caratteristiche morfologiche e di orientamento che fanno pensare ad una loro origine artificiale.

 Scoperte con Google 2 nuove piramidi in Egitto A317

Un sito si trova nell'Alto Egitto [Vedi con Google Map], a meno di 20 chilometri dalla città di Abu Sidhum sul Nilo, e contiene quattro tumuli, due maggiori e due minori, più un grosso altopiano di forma triangolare. "Da un esame accurato di questa formazione, questo tumulo sembra avere una forma curiosamente simmetrica che è stata pesantemente erosa dal tempo", ha scritto la Micol sul suo sito Google Earth Anomalies.


 Scoperte con Google 2 nuove piramidi in Egitto A318

Il secondo sito si trova nei pressi di Fayoum, a soli 3 chilometri dalla città di Dimai, e dispone di tre tumuli più piccoli in una formazione molto simile all'allineamento diagonale delle piramidi della piana di Giza, più una grande formazione a quattro lati, che assomiglia ad una piramide tronca con una base di circa 140 metri di lunghezza. Nabil Selim ha dichiarato che i cumuli più piccoli hanno una dimensione simile a quelle delle piramidi egizie della XIII dinastia.

 Scoperte con Google 2 nuove piramidi in Egitto A319

I passi successivi


Le immagini dei potenziali siti egiziani sono state inviate agli egittologi e ai ricercatori per ulteriori indagini. "Le immagini parlano da sole", continua l'archeologa, "è molto evidente quello che i siti possono contenere, ma la ricerca sul campo è necessaria per verificare se si tratti di piramidi. Sono del parere che questi siti contengano molto di più di quanto mostrano le immagini satellitari. Con l'aiuto di una strumentazione a raggi infrarossi, potremmo vedere la morfologia e l'estensione dei complessi proposti in modo più dettagliato".


Questo è solo l'ultimo dei tanti siti che Angela ha individuato grazie alla tecnologia fornita da Google Earth. Sul sito della ricercatrice, è possibile vedere numerosi siti che potrebbero contenere antiche rovine. "L'archeologia satellitare è un campo di ricerca che sta muovendo i primi passi", afferma Angela. "Il mio sogno è quello di esplorare fianco a fianco con gli archeologi i siti che ho identificato". Attualmente, Angela Micol e l'Istituto APEX stanno raccogliendo i fondi per la realizzazione di un documentario che descriverà molti dei siti individuati dalla ricercatrice con Google Earth.


Fonte: http://ilnavigatorecurioso.myblog.it/archive/2012/08/14/un-archeologa-scopre-possibili-piramidi-sconosciute-grazie-a.html
link
Alaudae
Alaudae
Moderatore Globale
Moderatore Globale

Utente SuperAttivo Utente SuperAttivo : Utente Superattivo

Messaggio Personale La verità si sottrae all'evidenza
attraverso la sua inverosimilità.

Eraclito, 500 aC
Mio stato d'animo : perplesso

Animale Preferito :  Scoperte con Google 2 nuove piramidi in Egitto Taiu0h
Il mio Sesso : Maschio
Segno Zodiacale : Sagittario Maiale
La mia forza :  Scoperte con Google 2 nuove piramidi in Egitto 2vci68j

Messaggi : 14966
Età : 74
Netiquette :  Scoperte con Google 2 nuove piramidi in Egitto WarnFull
Località : Roma
Nazione : Italia
Data d'iscrizione : 26.06.09
Punti : 27050

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.