Misteri 2012
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

6 luglio, muore il Web italiano

2 partecipanti

Andare in basso

Attenzione 2 6 luglio, muore il Web italiano

Messaggio Da Alaudae Mar 28 Giu - 22:47:48

6 luglio, muore il Web italiano Jpg_2154696

Dalla settimana prossima l'Autorità delle comunicazioni avrà il diritto arbitrario di oscurare siti senza un processo. Una norma che non esiste in nessun Paese libero. Fortemente voluta da Berlusconi e da Medias di Alessandro Longo - http://espresso.repubblica.it/

(27 giugno 2011) Il 6 luglio arriverà una delibera Agcom, sulla tutela del copyright online, e sarà una forma di censura del web, in nome degli interessi di Mediaset e delle lobby dell'audiovisivo, con il beneplacito del centro destra. E' questo l'allarme lanciato da un gruppo di associazioni (Adiconsum, Agorà Digitale, Altroconsumo, Assonet-Confesercenti, Assoprovider-Confcommercio, Studio Legale Sarzana). Avevano già fatto una campagna contro i rischi di quella delibera, ma speravano ancora di cambiare le cose. Speranze fallite venerdì, dopo aver incontrato Corrado Calabrò, presidente Agcom (Autorità garante delle comunicazioni). «Abbiamo appreso che non c'è spazio per la mediazione e che Agcom intende approvare la delibera-censura in fretta e furia», dice Luca Nicotra, segretario di Agorà Digitale, associazione di area Radicale. Nel testo definitivo dovrebbe insomma restare il principio di fondo, già presente nell'attuale bozza della delibera: Agcom avrà il potere di oscurare siti web accusati di facilitare la pirateria. Senza passare da un regolare processo, ma solo a fronte di una segnalazione da parte dei detentori di copyright.

Ma perché gridare alla censura? Come motivate quest'allarme?
«La questione alla base è che il diritto d'autore sul web ha tantissimi ambiti ed è possibile che l'industria del copyright metta in piedi interi uffici dedicati a segnalare presunte violazioni all'Autorità, come avvenuto in altri Paesi. L'Autorità non avrà i mezzi per gestire le decine di migliaia di segnalazioni che arriveranno. Sarà il Far west, ci saranno decisioni sommarie, ai danni di siti anche innocenti. Siamo il primo Paese al mondo a dare ad Agcom questo potere. Calabrò stesso ci ha detto che sa di muoversi in un territorio di frontiera... ».

Però ci si potrà difendere opponendosi all'oscuramento del sito.
«Secondo la delibera, potrà farlo il gestore del sito web, ma non l'utente che carica il contenuto in questione. Sarà un salto nel buio. Il nostro colloquio con Calabrò ci ha confermato che l'Autorità non è preparata a questo».

Perché non lo è?
«Per esempio: abbiamo detto a Calabrò che i provider Internet avranno grosse spese per rimuovere i contenuti dal web e lui ci ha risposto che non lo sapeva, che non gliel'avevano detto. Non ci ha mai risposto con numeri e criteri oggettivi alle nostre critiche».

Ma la censura avrà anche un colore politico?
«Sì e questo rende la cosa ancora più grave. Siamo in un Paese in cui la denuncia per diffamazione è facile ed efficace, per mettere a tacere media. In un sistema politicizzato come il nostro, questo nuovo potere che Agcom potrebbe aggravare il fenomeno. Dalla denuncia per diffamazione all'oscuramento d'Autorità di un sito il passo è breve».

Perché vi è sembrato che Calabrò avesse molta fretta di completare la delibera?
«In precedenza Agcom ci aveva promesso, per tenerci buoni, tanti incontri di mediazione e che il testo definitivo non sarebbe stato subito esecutivo ma che sarebbe stato messo in consultazione. Adesso invece ha deciso che già prima dell'estate, probabilmente il 6 luglio, arriverà a una delibera fatta e compiuta».

Come ti spieghi questa fretta?
«Siamo in un contesto di grossa instabilità politica. In questo momento il clima è ancora favorevole agli interessi di Mediaset, ma Agcom teme che non sarà presto così e quindi vuole chiudere in fretta la vicenda. E' un altro effetto del conflitto di interesse del presidente del Consiglio».

L'interesse delle lobby del copyright è evidente. Ma di Mediaset? E' solo quello di tutelare il proprio diritto d'autore sul web (ha denunciato in passato Google per video su YouTube, del resto)?
«Non solo. Lo scopo è forgiare il web in modo simile al mercato che loro conoscono e depotenziandone la minaccia al loro business. Hanno fatto così anche con la delibera sulle web tv».

Che farete se la delibera passa così com'è?
«Faremo ricorso al Tar del Lazio. Se necessario a Bruxelles, ma crediamo che il Tar bloccherà la delibera, che secondo molti esperti è illegittima, poiché viola diritti fondamentali del cittadino. Ma visto che ci sono forti interessi del Presidente del Consiglio a far passare quelle norme, il governo potrebbe intervenire direttamente con un decreto, in caso di blocco al Tar»

Link
Alaudae
Alaudae
Moderatore Globale
Moderatore Globale

Utente SuperAttivo Utente SuperAttivo : Utente Superattivo

Messaggio Personale La verità si sottrae all'evidenza
attraverso la sua inverosimilità.

Eraclito, 500 aC
Mio stato d'animo : perplesso

Animale Preferito : 6 luglio, muore il Web italiano Taiu0h
Il mio Sesso : Maschio
Segno Zodiacale : Sagittario Maiale
La mia forza : 6 luglio, muore il Web italiano 2vci68j

Messaggi : 14966
Età : 75
Netiquette : 6 luglio, muore il Web italiano WarnFull
Località : Roma
Nazione : Italia
Data d'iscrizione : 26.06.09
Punti : 27116

Torna in alto Andare in basso

Attenzione 2 Re: 6 luglio, muore il Web italiano

Messaggio Da Marek Mer 29 Giu - 6:20:21

Se non sbaglio ,lo fanno in Cina
Marek
Marek
Staff misteri
Staff misteri

Utente SuperAttivo Utente SuperAttivo : Utente SuperAttivo

Messaggio Personale Se sei di buon umore, non ti preoccupare Ti passera'.
Animale Preferito : 6 luglio, muore il Web italiano 34j39n10
Il mio Sesso : Maschio
Segno Zodiacale : Vergine Cane
La mia forza : 6 luglio, muore il Web italiano 2vci68j

Messaggi : 1493
Età : 40
Netiquette : 6 luglio, muore il Web italiano WarnFull
Località : SIENA....vicinanze
Nazione : Rep.Ceca
Data d'iscrizione : 14.10.10
Punti : 6254

Torna in alto Andare in basso

Attenzione 2 Delibera 668/2010 dell’AGCOM e il diritto d’autore.

Messaggio Da Alaudae Ven 1 Lug - 22:11:37


Il 6 luglio 2011 dovrebbe entrare in vigore una legge bavaglio per tutelare il diritto d'autore in Rete. Si tratta dell'ennesimo attacco alle libertà di espressione e informazione?
“AGCOM, Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni”. Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 1 del 03/01/2011 Supplemento Ordinario n.3
Delibera 668/2010: Consultazione pubblica su lineamenti di provvedimento concernente l’esercizio delle competenze dell’autorità nell’attività di tutela del diritto d’autore sulle reti di comunicazione elettronica

Cosa c’è da sapere sulla Delibera 668/2010 dell’AGCOM e il diritto d’autore.
A chi si applica, come ci si può difendere, cosa succede per i siti esteri.
Tratto da http://sitononraggiungibile.e-policy.it/it/faq/


1) L’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha emanato il 17 dicembre 2010 la delibera n 668 2010 CONS denominata LINEAMENTI DI PROVVEDIMENTO CONCERNENTE L’ESERCIZIO DELLE COMPETENZE DELL’AUTORITA NELL’ATTIVITA’ DI TUTELA DEL DIRITTO D’AUTORE SULLE RETI DI COMUNICAZIONE ELETTRONICA, che affronta le competenze della stessa autorità nel perseguimento delle violazioni del diritto d’autore nel settore della tv, di internet e delle telecomunicazioni

2) La delibera, prevede un sistema di cancellazione e di inibizione di siti internet sospettati di violare il diritto d’autore

3) In particolare i punti dal 3.5 a punto 3.5.4 della delibera istituiscono un procedimento in quattro punti che può terminare con la cancellazione dei contenuti da parte della stessa Autorità o dell’inibizione su ordine dell’Autorità di un determinato sito.

4) Ci sono 60 giorni a partire dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della Delibera per formulare osservazioni alla stessa autorità.

1) A chi si applica il provvedimento previsto dall’AGCOM.
A tutti i siti, i portali, i blog, gli strumenti di condivisione di file in rete, le banche dati, i siti privati che siano sospettati di contenere anche un solo file in grado di violare il diritto d’autore.
Lo dice espressamente l’art 2.1 della delibera secondo cui “l’Autorità ritiene quindi che rientrino nella sua attività di vigilanza ai sensi dell’art. 182 bis le violazioni del diritto d’autore perpetrate attraverso l’attività di diffusione radiotelevisiva, nonché attraverso le reti degli operatori di telecomunicazione, e che ad essa perciò competano le azioni di tutela del diritto d’autore sui contenuti immessi nelle reti di comunicazione elettronica (tv, reti di tlc e internet).
E l’art 2.2 prevede che “L’Autorità, in quanto autorità amministrativa “dotata di poteri di vigilanza”, ritiene pertanto di essere legittimata ad intervenire, in un tempo ragionevole, nei riguardi dei gestori dei siti internet sui quali dovessero essere ospitati contenuti digitali coperti da copyright, senza l’autorizzazione del titolare.”
Non vi è alcuna differenza se il sito o il portale è privato o pubblico o esercita la propria attività per fini di lucro, o sia un sito amatoriale o un blog personale.
In tutti i casi quindi di “uploading” di contenuti su internet, su qualsiasi piattaforma, anche di condivisione, l’Autorità, in caso di sospetta violazione, potrà operare il procedimento di cancellazione o di inibizione mediante il blocco dell’indirizzo IP o del Domain Name Systems.

2) Il fatto di gestire un sito privato o un blog senza alcun fine di lucro è condizione per evitare la cancellazione da parte dell’Autorità in caso di sospetta violazione del diritto d’autore?
No.

Mentre infatti il decreto legislativo 15 marzo 2010 n. 44 (cd. decreto Romani) aveva espressamente escluso dal campo di applicazione delle norme di vigilanza ( e quindi dalle competenze dell’AGCOM in tema di cancellazione) i siti privati o i siti di distribuzione di contenuti audiovisivi per fini di scambio, l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni si è attribuita la competenza a decidere anche sui siti privati.
L’Autorità afferma espressamente al punto 2.3 della delibera: “La competenza dell’Autorità in materia di copyright non sembra soffrire sensibili limitazioni dall’esclusione operata dall’art. 2, comma 1, lettera a) ( del decreto Romani n.d.r.) per i “i siti internet privati e i servizi consistenti nella fornitura o distribuzione di contenuti audiovisivi generati da privati ai fini di condivisione o di scambio nell’ambito di comunità d’interesse”.

3) Quali tipi di violazioni faranno scattare il provvedimento di cancellazione da parte dell’Autorità?
Tutte le sospette violazioni previste dal diritto d’autore effettuate tramite siti italiani o esteri.
Quindi non solo il caricamento di video cinematografici o musicali ma tutte le sospette violazioni potranno essere soggette al procedimento di cancellazione o di inibizione.
Per comprendere quali contenuti digitali siano soggetti al provvedimento di cancellazione bisogna sapere quali opere siano protette ai sensi degli articoli 1 e 2 della Legge sul diritto d’autore, la legge 633/1941.

Art. 1.
Sono protette ai sensi di questa legge le opere dell’ingegno di carattere creativo che appartengono alla letteratura, alla musica, alle arti figurative, all’architettura, al teatro ed alla cinematografia, qualunque ne sia il modo o la forma di espressione.
Sono altresì protetti i programmi per elaboratore come opere letterarie ai sensi della Convenzione di Berna sulla protezione delle opere letterarie ed artistiche ratificata e resa esecutiva con legge 20 giugno 1978, n. 399, nonché le banche di dati che per la scelta o la disposizione del materiale costituiscono una creazione intellettuale dell’autore.

Art. 2.
In particolare sono comprese nella protezione:
1) le opere letterarie, drammatiche, scientifiche, didattiche, religiose, tanto se in forma scritta quanto se orale;
2) le opere e le composizioni musicali, con o senza parole, le opere drammatico-musicali e le variazioni musicali costituenti di per sé opera originale;
3) le opere coreografiche e pantomimiche, delle quali sia fissata la traccia per iscritto o altrimenti;
4) le opere della scultura, della pittura, dell’arte del disegno, della incisione e delle arti figurative similari, compresa la scenografia; (1)
5) i disegni e le opere dell’architettura;
6) le opere dell’arte cinematografica, muta o sonora, sempreché non si tratti di semplice documentazione protetta ai sensi delle norme del capo quinto del titolo secondo;
7) le opere fotografiche e quelle espresse con procedimento analogo a quello della fotografia sempre che non si tratti di semplice fotografia protetta ai sensi delle norme del capo V del titolo II;
8) i programmi per elaboratore, in qualsiasi forma espressi purché originali quale risultato di creazione intellettuale dell’autore. Restano esclusi dalla tutela accordata dalla presente legge le idee e i principi che stanno alla base di qualsiasi elemento di un programma, compresi quelli alla base delle sue interfacce. Il termine programma comprende anche il materiale preparatorio per la progettazione del programma stesso;
9) Le banche di dati di cui al secondo comma dell’articolo 1, intese come raccolte di opere, dati o altri elementi indipendenti sistematicamente o metodicamente disposti ed individualmente accessibili mediante mezzi elettronici o in altro modo. La tutela delle banche di dati non si estende al loro contenuto e lascia impregiudicati diritti esistenti su tale contenuto;
10) Le opere del disegno industriale che presentino di per sé carattere creativo e valore artistico

La sospetta violazione anche solo di un solo file protetto dal diritto d’autore tra quelli visti in precedenza farà scattare la procedura di cancellazione o di inibizione.
Quindi l’Autorità avrà il potere di sottoporre a cancellazione o di inibire l’accesso ai siti che siano semplicemente sospettati di contenere ad esempio:

1) Contenuti giornalistici espressamente riservati che vengono riprodotti da fonti successive senza autorizzazione
2) Contenuti giornalistici anche non riservati che non vengono ripresi integralmente da altre testate o giornali ma da siti privati (es blog)
3) Fotografie “artistiche” o video inseriti in siti, portali o blog
4) Contenuti caricati da utenti su piattaforme di condivisione di siti privati
5) Software liberi o meno che contengano componenti ( diverse dalle idee alla base dei programmi ) sospettate di violazione di diritti di autore
6) Banche dati on line pubbliche o private contenenti almeno un file sospetto per il quale non è stata rilasciata l’autorizzazione da parte del titolare
7) Fotografie o video amatoriali caricati nelle piattaforme UGC contenenti un sottofondo musicale
8) Video caricati dalle web tv

4) L’utente sospettato quanto tempo avrà per cancellare i file sospetti?
Il titolare del sito dovrà cancellare i file sospetti ( senza alcuna verifica sulla legittimità o meno del contenuto) nel giro di 48 ore, dopodiché avrà 5 giorni di tempo per difendersi davanti l’AGCOM. Questi sia in caso di siti italiani sia in caso di siti esteri. Dopo i 5 giorni i contenuti saranno cancellati dall’Autorità o inibiti dai provider su ordine dell’Autorità.

5) L’utente potrà dimostrare in qualche modo di avere la legittimazione a poter inserire quel file o si potrà difendere in qualche modo sostenendo di non avere colpe?
No.

L’Autorità infatti non prevede, a regime, alcuna indagine su una possibile colpa di colui che ha inserito il file.
Il sistema di cancellazione o di inibizione del sito funzionerà in maniera del tutto autonoma senza alcuna verifica della posizione di colui che ha inserito il file.
Al punto 3.5.4. infatti l’Autorità dice espressamente “L’Autorità ritiene che dopo un iniziale periodo di rodaggio la procedura qui tracciata possa operare in maniera pressoché automatica sulla base dello schema:
segnalazione – verifica – eventuale provvedimento inibitorio essendo fondata su un accertamento della violazione della normativa a protezione del diritto d’autore di tipo puramente oggettivo, che prescinde dalla valutazione di ipotetici elementi soggettivi associati al dolo o alla colpa. Come detto, è sufficiente infatti la verifica della presenza – non autorizzata- su un sito di contenuti protetti da copyright a legittimare l’attivazione delle iniziative di garanzia da parte dell’Autorità nell’ambito della finalità di prevenzione attribuita alla sua azione, in via generale, dal già citato art. 182 bis della legge 22 aprile 1941 n. 633.

6) E per i siti provenienti dall’estero?
I siti provenienti dall’estero sospettati di contenere anche un solo file che violano il diritto d’autore sono parificati ai siti illeciti italiani, senza alcuna ulteriore specificazione, e possono essere al termine della procedura inibiti a livello IP o di nome di dominio.
Le fattispecie di cancellazione del nome di dominio e dell’accesso IP sono quindi due, secondo quanto previsto dal punto 3.5.2 della delibera:

1) I siti il cui solo fine sia la diffusione di contenuti illeciti sotto il profilo del diritto d’autore
2) o i cui server siano localizzati al di fuori dei confini nazionali…
per queste ipotesi c’è la “possibilità, in casi estremi e previo contraddittorio, dell’inibizione del nome del sito web, ovvero dell’indirizzo IP, analogamente a quanto già avviene per i casi di offerta, attraverso la rete telematica, di giochi, lotterie, scommesse o concorsi in assenza di autorizzazione, ovvero per i casi di pedopornografia”.

Il solo fatto di avere i server all’estero e di essere sospettati di aver violato la legge sul diritto d’autore comporterà la “scomparsa” del collegamento a quel sito da parte dell’utente italiano.
In linea teorica anche siti del tutto leciti saranno soggetti all’inibizione o i siti informativi esteri quali testate o giornali sospettate di non aver chiesto l’autorizzazione ai titolari dei diritti.
I siti privati di soggetti che hanno server dislocati al di fuori del nostro paese e che contengono anche un solo file sospettato di violare il diritto d’autore quindi sono parificati come trattamento ai siti pedofili e di gioco d’azzardo e cosi le testate che non abbiamo assolto gli obblighi di versamento delle somme ai titolari del diritto d’autore

7) L’utente potrà rivolgerci a un giudice per evitare la cancellazione dei contenuti dal suo sito?
No.

L’intera procedura di cancellazione e di inibizione prevista dal punto 3.5 della delibera è gestita dall’AGCOM, su ricorso dei privati o delle organizzazioni di tutela dei diritti d’autore e si conclude in 5 giorni, senza alcuna forma di consultazione o di interazione con l’Autorità giudiziaria.

Non ci sono indagini compiute dalla polizia giudiziaria nell’ambito di un procedimento penale .

Non vi è nemmeno un passaggio dell’intera procedura all’interno del quale venga coinvolto un magistrato.

Non vi sono forme di appello all’autorità giudiziaria.

Tutto ciò nonostante le fattispecie previste dall’AGCOM siano invece già previste come sanzioni penali e civili dalle leggi italiane e soggette come da Costituzione alla verifica da parte di un Giudice.

8) L’autorità per le garanzie nelle comunicazioni può giudicare dei nostri diritti secondo la nostra Costituzione.
No.

L’autorità per le garanzie nelle comunicazioni non è un giudice e non può esercitare funzioni giudiziarie attribuite solo alla Magistratura dalla nostra Costituzione

Promotori dell’iniziativa
ADICONSUM
Pietro Giordano Segretario Nazionale e Mauro Vergari responsabile settore TLC

AGORA’ DIGITALE
Marco Cappato, Presidente Nazionale e Luca Nicotra Segretario Nazionale

ALTROCONSUMO
Paolo Martinello, Presidente nazionale e Marco Pierani, responsabile relazioni istituzionali.

ASSONET-CONFESERCENTI
Giovanni Prignano, Presidente Nazionale

ASSOPROVIDER-CONFCOMMERCIO
Dino Bortolotto, Presidente Nazionale, Matteo Fici, Vicepresidente Vicario, Giovan Battista Frontera, VicePresidente.

STUDIO LEGALE SARZANA
Fulvio Sarzana, Avvocato


www.disinformazione.it
Alaudae
Alaudae
Moderatore Globale
Moderatore Globale

Utente SuperAttivo Utente SuperAttivo : Utente Superattivo

Messaggio Personale La verità si sottrae all'evidenza
attraverso la sua inverosimilità.

Eraclito, 500 aC
Mio stato d'animo : perplesso

Animale Preferito : 6 luglio, muore il Web italiano Taiu0h
Il mio Sesso : Maschio
Segno Zodiacale : Sagittario Maiale
La mia forza : 6 luglio, muore il Web italiano 2vci68j

Messaggi : 14966
Età : 75
Netiquette : 6 luglio, muore il Web italiano WarnFull
Località : Roma
Nazione : Italia
Data d'iscrizione : 26.06.09
Punti : 27116

Torna in alto Andare in basso

Attenzione 2 Re: 6 luglio, muore il Web italiano

Messaggio Da Marek Sab 2 Lug - 13:01:27

Sti ca..i....La fine del web italiano.... 6 luglio, muore il Web italiano 71993
Marek
Marek
Staff misteri
Staff misteri

Utente SuperAttivo Utente SuperAttivo : Utente SuperAttivo

Messaggio Personale Se sei di buon umore, non ti preoccupare Ti passera'.
Animale Preferito : 6 luglio, muore il Web italiano 34j39n10
Il mio Sesso : Maschio
Segno Zodiacale : Vergine Cane
La mia forza : 6 luglio, muore il Web italiano 2vci68j

Messaggi : 1493
Età : 40
Netiquette : 6 luglio, muore il Web italiano WarnFull
Località : SIENA....vicinanze
Nazione : Rep.Ceca
Data d'iscrizione : 14.10.10
Punti : 6254

Torna in alto Andare in basso

Attenzione 2 Re: 6 luglio, muore il Web italiano

Messaggio Da Alaudae Sab 2 Lug - 18:09:04

Marek ha scritto:Sti ca..i....La fine del web italiano.... 6 luglio, muore il Web italiano 71993

io non me ne intendo ma penso che a questo punto la gran parte dei siti sia a rischio chiusura
facciamo testamento 6 luglio, muore il Web italiano 256701
Alaudae
Alaudae
Moderatore Globale
Moderatore Globale

Utente SuperAttivo Utente SuperAttivo : Utente Superattivo

Messaggio Personale La verità si sottrae all'evidenza
attraverso la sua inverosimilità.

Eraclito, 500 aC
Mio stato d'animo : perplesso

Animale Preferito : 6 luglio, muore il Web italiano Taiu0h
Il mio Sesso : Maschio
Segno Zodiacale : Sagittario Maiale
La mia forza : 6 luglio, muore il Web italiano 2vci68j

Messaggi : 14966
Età : 75
Netiquette : 6 luglio, muore il Web italiano WarnFull
Località : Roma
Nazione : Italia
Data d'iscrizione : 26.06.09
Punti : 27116

Torna in alto Andare in basso

Attenzione 2 Re: 6 luglio, muore il Web italiano

Messaggio Da Marek Sab 2 Lug - 19:14:33

Sarebbe interessante il parere di Marius.......
Marek
Marek
Staff misteri
Staff misteri

Utente SuperAttivo Utente SuperAttivo : Utente SuperAttivo

Messaggio Personale Se sei di buon umore, non ti preoccupare Ti passera'.
Animale Preferito : 6 luglio, muore il Web italiano 34j39n10
Il mio Sesso : Maschio
Segno Zodiacale : Vergine Cane
La mia forza : 6 luglio, muore il Web italiano 2vci68j

Messaggi : 1493
Età : 40
Netiquette : 6 luglio, muore il Web italiano WarnFull
Località : SIENA....vicinanze
Nazione : Rep.Ceca
Data d'iscrizione : 14.10.10
Punti : 6254

Torna in alto Andare in basso

Attenzione 2 Re: 6 luglio, muore il Web italiano

Messaggio Da Alaudae Sab 2 Lug - 19:17:45

Marek ha scritto:Sarebbe interessante il parere di Marius.......

già, infatti...non se lo saranno mangiato le quaglie... 6 luglio, muore il Web italiano 307434
Alaudae
Alaudae
Moderatore Globale
Moderatore Globale

Utente SuperAttivo Utente SuperAttivo : Utente Superattivo

Messaggio Personale La verità si sottrae all'evidenza
attraverso la sua inverosimilità.

Eraclito, 500 aC
Mio stato d'animo : perplesso

Animale Preferito : 6 luglio, muore il Web italiano Taiu0h
Il mio Sesso : Maschio
Segno Zodiacale : Sagittario Maiale
La mia forza : 6 luglio, muore il Web italiano 2vci68j

Messaggi : 14966
Età : 75
Netiquette : 6 luglio, muore il Web italiano WarnFull
Località : Roma
Nazione : Italia
Data d'iscrizione : 26.06.09
Punti : 27116

Torna in alto Andare in basso

Attenzione 2 La Rete inutilmente libera

Messaggio Da Alaudae Lun 4 Lug - 9:35:40

La Rete difende le persone dall'ignoranza ed è uno strumento di libertà. Ma chi difende la libertà della Rete? Non i suoi abitanti, che sembrano più interessati ad altro

Ci sono eventi, fatti ed avvenimenti che più che per la loro importanza in sé sono utili perché fanno riflette, nelle dinamiche che sviluppano, su questioni più generali. È il caso, ad esempio, del provvedimento previsto da AGCom: la delibera 668/2010 sul "sistema di cancellazione per i siti sospettati di violare il diritto d'autore". In pratica questa delibera farebbe di Calabrò una specie di giustiziere della notte al soldo dell'industria dei contenuti che, in barba al principio di suddivisione dei poteri, potrebbe decidere in cinque giorni e senza contraddittorio di chiudere qualsiasi sito che fosse sospettato di aver violato, con i suoi contenuti, le norme sul diritto d'autore.

Gli esperti hanno già detto molto sul perché tale regolamento costituirebbe un mostro giuridico. Tanti bit sono stati spesi sui rischi reali che deriverebbero dalla sua attuazione. Proteste vibrate sono venute dalle associazioni a difesa dei diritti (digitali) dei cittadini. Parole di allarme sono state pronunciate dai più attenti commentatori dei fatti della Rete italiana.

Ma c'è qualcosa, in tutto ciò, di profondamente inquietante. Link
Alaudae
Alaudae
Moderatore Globale
Moderatore Globale

Utente SuperAttivo Utente SuperAttivo : Utente Superattivo

Messaggio Personale La verità si sottrae all'evidenza
attraverso la sua inverosimilità.

Eraclito, 500 aC
Mio stato d'animo : perplesso

Animale Preferito : 6 luglio, muore il Web italiano Taiu0h
Il mio Sesso : Maschio
Segno Zodiacale : Sagittario Maiale
La mia forza : 6 luglio, muore il Web italiano 2vci68j

Messaggi : 14966
Età : 75
Netiquette : 6 luglio, muore il Web italiano WarnFull
Località : Roma
Nazione : Italia
Data d'iscrizione : 26.06.09
Punti : 27116

Torna in alto Andare in basso

Attenzione 2 Libero Web: tu ci sei?

Messaggio Da Alaudae Mar 5 Lug - 9:31:47

Parte oggi alle 17,30 la Notte della Rete: contro il bavaglio che l'Autorità delle Comunicazioni vuole mettere a Internet su pressione delle lobby, del governo e di Mediaset. La diretta on line anche su questo sito

Lunedì pomeriggio, vedendo il gruppo di manifestanti armati di palloncini e striscioni davanti alla sede dell'AgCom, Corrado Calabrò ha ordinato all'autista di accelerare ed è scappato veloce, mentre la polizia bloccava chi tentava di fargli una domanda. Bisogna capirlo: è da mezzo secolo che il garante delle comunicazioni si muove felpato nel sottobosco della politica romana (ha iniziato nel '63 con Moro a Palazzo Chigi ) e una grana del genere non gli era mai capitata.

Oggi Calabrò si sentirà pure peggio: quasi ventimila persone hanno preannunciato la loro adesione a quella che si preannuncia come la prima, vera manifestazione per la libertà di Internet in Italia, 'La notte della Rete', che chiama in causa proprio lui e la sua Autorità.

L'evento si terrà alla Domus Talenti, nel centro di Roma, ma verrà seguito in streaming da centinaia di siti, compreso naturalmente 'L'Espresso'. Sarà una contestazione pacifica e ragionata, ma altrettanto determinata a non lasciare che passi una norma violentemente censoria: quella che dovrebbe consentire alla stessa AgCom di oscurare dall'oggi al domani qualsiasi contenuto Internet che ritenga - a suo insindacabile giudizio - in violazione del diritto d'autore, arrivando (sempre a insindacabile giudizio di AgCom) a cancellare l'intero sito.

Questo significa che, per esempio, se sul vostro blog o sito copiaincollate tre righe di un articolo di un giornale possono eliminare il post o semplicemente chiudervi, senza nemmeno che voi possiate andare a spiegarvi, a ribattere, a difendervi. Lo stesso se nel vostro blog o sito caricate un video di YouTube, magari uno spezzone di una trasmissione tv. Peggio ancora se ci mettete le note di una canzone o la scena di un film.

La norma è piuttosto mostruosa non solo perché consente una censura del tutto arbitraria del Web, ma anche perché costituisce un precedente di violazione del principio della separazione dei poteri: a decidere se un sito ha violato o meno il copyright non sarà infatti un giudice - con un confronto tra accusa e difesa - ma un'autorità amministrativa oltre tutto di nomina politica. Non è un tecnicismo irrilevante, come ha notato in
questo articolo il giurista Guido Scorza.

Come si è arrivati a questa norma è una storia lunga e complessa: chi è interessato può leggere l'intervista che il nostro Alessandro Longo ha fatto a Luca Nicotra, di Agorà Digitale: l'associazione che prima e più di tutti ha iniziato la battaglia civile in corso. Si tratta, alla fine, di una convergenza di interessi diversi, in cui si mescolano le lobby dell'audiovisivo, Mediaset e un potere politico che da molto tempo tenta di mettere un qualche tipo di bavaglio alla Rete italiana: diciamo che se le leggi ad personam in Italia sono ormai una ventina, anche le norme che tentano di ammazzare il web non sono pochissime (e non solo quelle provenienti dal centrodestra) come ricapitola il blogger Byoblu in questo video.

Finora, tuttavia, quasi nessuna di queste proposte è andata a buon fine, anche grazie a un buon livello di reattività della Rete italiana (ad esempio, il decreto D'Alia, il peggiore di tutti, era stato approvato in un ramo del Parlamento ma poi è stato ritirato nell'altro, dopo molte proteste).

La norma AgCom invece stava passando abbastanza in sordina e solo nelle ultime due settimane l'attivismo dei suoi contestatori è riuscito a oltrepassare il muro del silenzio. Il che ha creato un po' di scompiglio nella stessa AgCom: ieri, ad esempio, il commissario Gianluigi Magri si è dimesso da relatore del provvedimento, proprio a seguito delle proteste che stanno montando.

Sicché oggi l'AgCom, con ogni probabilità, finirà per non decidere niente, rimandando il tutto a un'ulteriore seduta: magari ad agosto, nella speranza che la contestazione si plachi e che nel mezzo dell'estate si riesca a far passare la cosa più in silenzio. Del resto AgCom e Calabrò sono più che altro «pedine di un potere politico mediamente digiuno delle questioni complicate che riguardano Internet», come ha scritto ieri in un
Link
Alaudae
Alaudae
Moderatore Globale
Moderatore Globale

Utente SuperAttivo Utente SuperAttivo : Utente Superattivo

Messaggio Personale La verità si sottrae all'evidenza
attraverso la sua inverosimilità.

Eraclito, 500 aC
Mio stato d'animo : perplesso

Animale Preferito : 6 luglio, muore il Web italiano Taiu0h
Il mio Sesso : Maschio
Segno Zodiacale : Sagittario Maiale
La mia forza : 6 luglio, muore il Web italiano 2vci68j

Messaggi : 14966
Età : 75
Netiquette : 6 luglio, muore il Web italiano WarnFull
Località : Roma
Nazione : Italia
Data d'iscrizione : 26.06.09
Punti : 27116

Torna in alto Andare in basso

Attenzione 2 Censura web, è la "notte della Rete" "Stop Agcom, deliberi il Parlam

Messaggio Da Alaudae Mer 6 Lug - 8:09:33

6 luglio, muore il Web italiano 161719416-c0439787-5f2f-487b-b22f-499a10d1b499
5 Luglio 2011

Domani la riunione dell'Agcom. E tutti avranno gli occhi puntati sulla seduta dell'Agcom prevista per domani. Dove dovrebbe iniziare la discussione intorno alla "delibera ammazza-internet", la 668 del 2010. Un provvedimento che prevede la cancellazione automatica dei contenuti protetti da diritto d'autore condivisi sul web. E in rete la mobilitazione non si ferma, anzi. Su Avaaz. org la petizione 1 lanciata per chiedere ai membri dell'Agcom di rimettere la questione nelle mani del Parlamento ha superato le 200mila firme. E sui portali Agorà Digitale 2 e Sitononraggiungibile 3continuano ad essere diffusi informazioni e contenuti per spiegare agli utenti gli effetti della delibera.

articolo Qui
Alaudae
Alaudae
Moderatore Globale
Moderatore Globale

Utente SuperAttivo Utente SuperAttivo : Utente Superattivo

Messaggio Personale La verità si sottrae all'evidenza
attraverso la sua inverosimilità.

Eraclito, 500 aC
Mio stato d'animo : perplesso

Animale Preferito : 6 luglio, muore il Web italiano Taiu0h
Il mio Sesso : Maschio
Segno Zodiacale : Sagittario Maiale
La mia forza : 6 luglio, muore il Web italiano 2vci68j

Messaggi : 14966
Età : 75
Netiquette : 6 luglio, muore il Web italiano WarnFull
Località : Roma
Nazione : Italia
Data d'iscrizione : 26.06.09
Punti : 27116

Torna in alto Andare in basso

Attenzione 2 Re: 6 luglio, muore il Web italiano

Messaggio Da Alaudae Ven 8 Lug - 10:35:02

ma c'è qualcuno che saputo qualcosa di questa censura web? prima lanciano la notizia poi più niente: io mi sarei anche stancato di questo modo di fare all'italiana dove tutto finisce sempre a tarallucci e vino, neanche la fatica di andare a cercare le news e fare poi il copia-incolla !!?? 6 luglio, muore il Web italiano 256701
Alaudae
Alaudae
Moderatore Globale
Moderatore Globale

Utente SuperAttivo Utente SuperAttivo : Utente Superattivo

Messaggio Personale La verità si sottrae all'evidenza
attraverso la sua inverosimilità.

Eraclito, 500 aC
Mio stato d'animo : perplesso

Animale Preferito : 6 luglio, muore il Web italiano Taiu0h
Il mio Sesso : Maschio
Segno Zodiacale : Sagittario Maiale
La mia forza : 6 luglio, muore il Web italiano 2vci68j

Messaggi : 14966
Età : 75
Netiquette : 6 luglio, muore il Web italiano WarnFull
Località : Roma
Nazione : Italia
Data d'iscrizione : 26.06.09
Punti : 27116

Torna in alto Andare in basso

Attenzione 2 Re: 6 luglio, muore il Web italiano

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.