Misteri 2012
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Una seconda genesi nel sistema solare: oceani extraterrestri potrebbero ospitare la vita

Andare in basso

Sorpreso Una seconda genesi nel sistema solare: oceani extraterrestri potrebbero ospitare la vita

Messaggio Da carlo 56 Ven 28 Dic - 10:21:30

Una seconda genesi nel sistema solare: oceani extraterrestri potrebbero ospitare la vita  6a00d8341bf67c53ef017ee6b476a7970d-800wi
Grido di battaglia della NASA dietro la piccola armata di orbiter, lander e rover spediti su Marte è “seguire l’acqua!” Dove c’è acqua, ci potrebbe essere la vita, che ha bisogno di un solvente come l’acqua per assemblare le macromolecole complesse necessarie per i sistemi viventi.

Marte è coperto di prove geologiche che una volta era un pianeta umido. Ma non lo è più. Una delle scoperte più interessanti fino ad oggi dal geologo di campo itinerante, il Mars Science Laboratory Curiosity, è stata l’individuazione di un antico torrente prosciugato in cui l’acqua scorreva miliardi di anni fa.

L’ironia è che se si viaggia un paio di 100 milioni miglia al di là dell’orbita di Marte si attraversa la linea di gelo del sistema solare, il confine oltre il quale vi è abbondanza di acqua preservata dalla nascita dei pianeti.

Almeno sei lune esterne hanno oceani sotto la superficie che potrebbero essere luoghi accoglienti per la vita: Europa, Ganimede, Callisto, Titano, Encelado e Tritone. Ciascuno di essi potrebbe avere tanta acqua se non di più di quella presente in tutti gli oceani della Terra. In realtà la Terra è un mondo relativamente asciutto.

Europa, luna di Giove, potrebbe sostenere la vita complessa

L’idea di una zona abitabile stellare, in cui l’acqua può rimanere stabile sulla superficie di un pianeta, è stata scientificamente spiegata e resa popolare da Michael Hart alla fine del 1970. Dal momento che tale zona è una fetta ristretta di beni immobili del sistema solare, Hart ha usato la sua carta di ricerca ampiamente citato per sostenere l’ ipotesi di Rare Earth : che l’evoluzione della vita complessa sarebbe difficile da replicare nel cosmo.

Oggi, il concetto di zona abitabile è vecchio, dice Ken Says del laboratorio Jet Propulsion della Nasa. ”Lo scenario Goldilocks è obsoleto. Ci sono nuovi modi per mediare abitabilità tramite interazioni di marea.”

Questo nuovo paradigma è ulteriormente rafforzato dalla consapevolezza emergente che vi è una enorme diversità della vita sulla Terra in ambienti estremi. Infatti, i cosiddetti “exteremeophiles” sono stati probabilmente i primi abitanti della Terra,e saranno gli ultimi sopravvissuti fra miliardi di anni.

Trovare campioni di vita negli oceani extraterrestri non è un’impresa da poco. Richiede la perforazione attraverso chilometri di un guscio di ghiaccio.Ma in realtà sarebbe molto meno difficile dell’invio di un impianto industriale di perforazione e l’equipaggio di astronauti su Marte per penetrare in profondità nelle falde acquifere del sottosuolo.

NASA: andare là su Europa?
Ancora più importante, trovare la vita in un oceano su Europa sarebbe inequivocabilmente dimostrare che una seconda Genesi ha avuto luogo nel sistema solare. E questo vorrebbe dire che la vita è una spin-off inevitabile di un universo in evoluzione.

Ancora più profondamente, se i microbi di Europa incorporano RNA e DNA nella loro macchina biologica verrebbe dimostrato che il concetto di evoluzione convergente batte evoluzione contingente che favorisce una sequenza puramente casuale di eventi (come nella ipotesi di terre rare)

L’evoluzione convergente prevede che l’universo per impostazione predefinita lo stesso modello molecolare per la vita indipendentemente dalle condizioni iniziali di partenza e vincoli biologici. Nessun dubbio i creazionisti accoglieranno tali notizie come prova per il disegno intelligente .

Perché non è possibile trovare i microbi su Marte ci portano alla stessa soluzione? Il problema è che se i marziani utilizzano il DNA e RNA, si sarebbe tentati di pensare che sono davvero i nostri cugini.Il sistema solare potrebbe aver visto la fertilizzazione planetaria incrociata attraverso la dispersione di microbi tramite meteoriti tra la Terra e Marte. Oppure, meno probabile, Marte potrebbe essere stato contaminato dalla sonda mal sterilizzata dalla Terra.La luna di Saturno Enceladus è uno dei luoghi più promettenti per andare “a pesca di microbi” anche se si tratta di uno sbalorditivo miliardo miglia di distanza. L’oceano di Encelado “è saltato davanti a noi”, dice Says. Geyser sputano fuori come piume dalla luna da crepe superficiali di riempimento che contengono acqua e sostanze organiche. La luna è in rotazione riscaldata e questo è stato un oceano in fermentazione per miliardi di anni.

La luna di Giove Europa sembra una destinazione migliore per la caccia astrobiologica.Europa dispone di acqua due o tre volte più della Terra.Gli oceani sulla Terra hanno in media una profondità di pochi chilometri, l’oceano di Europa è almeno dieci volte più profondo.

L’Agenzia spaziale europea ha previsto che Jupiter Icy moons Explorer sarà in tour in tutti e tre i mondi oceanici di Giove, Europa, Ganimede e Callisto all’inizio del 2030.Guardando oltre il 2030 l’obbiettivo potrebbe essere ad esempio quello di atterrare su Europa una sonda nucleare riscaldata con un cryobot per fondere una porzione sottile del guscio di ghiaccio. In ultima analisi, i campioni del mare di Europa torneranno sulla Terra per lo studio in un laboratorio di classe 5 di biocontaminazione.

La sterilizzazione non sarebbe problema, perché la sonda sarebbe stata irradiata dalle radiazioni di Giove. Il perossido di idrogeno della luna avrebbe ulteriormente sterilizzato la sonda scavando nel ghiaccio.

Tuttavia, un lander penetratore su Europa presenta numerose sfide ingegneristiche e senza dubbio sarebbe costoso. Una missione meno costosa è il progetto chiamato Investigation Live per Encelado (LIFE) sarebbe come una della missioni Stardust che ha catturato grani di polvere dalla cometa Wild-2 durante un passaggio ravvicinato. La sonda NASA Stardust ha intrappolato i grani in un disco di aerogel. si potrebbe usare un metodo simile per raccogliere campioni di geyser (vedi sopra) di Encelado e poi tornare sulla Terra.

Il sistema solare è così ricca e vario in mondi oceanici, che la ricerca di Genesis II è probabilmente più una questione di quando , non se .

Immagine di credito: NASA, ESA

Di Ray Villard

Fonte:http://news.discovery.com/space/extraterrestrial-oceans-may-offer-best-chance-for-finding-genesis-ii-121227.html
Una seconda genesi nel sistema solare: oceani extraterrestri potrebbero ospitare la vita  6a00d8341bf67c53ef017ee6adc5d7970d-320wi
carlo 56
carlo 56
Friends
Friends

Messaggio Personale "occhio x occhio,il mondo rimane cieco"
Mio stato d'animo : sorpreso

Animale Preferito : Una seconda genesi nel sistema solare: oceani extraterrestri potrebbero ospitare la vita  Hx7itd
Il mio Sesso : Maschio
Segno Zodiacale : Pesci Scimmia
La mia forza : Una seconda genesi nel sistema solare: oceani extraterrestri potrebbero ospitare la vita  9jzkfa

Messaggi : 101
Età : 66
Netiquette : Una seconda genesi nel sistema solare: oceani extraterrestri potrebbero ospitare la vita  WarnFull
Località : taranto
Nazione : Italia
Data d'iscrizione : 28.04.12
Punti : 4153

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.